I Consulenti Tecnici d’Ufficio del Tribunale (C.T.U.) possono accedere presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico (U.R.P.) dell’Ufficio di Scopo Condono ai documenti amministrativi relativi a istanze di condono che interessano immobili oggetto di procedimento giudiziario.

Ai C.T.U. del Tribunale l’U.R.P. riserva cinque appuntamenti al giorno che occorre prenotare attraverso il Sistema di Prenotazione on line. Per accedere al servizio è necessario effettuare la registrazione seguendo le indicazioni contenute nell’apposita Guida.

Per prenotare un appuntamento in qualità di C.T.U. si deve disporre di un profilo utente “tecnico”: al momento della registrazione occorre indicare nell’apposita sezione gli estremi dell’iscrizione al proprio Ordine professionale. Per aggiornare un profilo utente “semplice” già attivo da anni, è necessario richiedere all’indirizzo ctu.condono@rpr-spa.it l’aggiornamento del proprio profilo, allegando copia della tessera dell’Ordine.

Prima di procedere alla prenotazione on line è necessario conoscere i numeri di protocollo delle pratiche relative all’immobile oggetto di condono. Nel caso in cui il C.T.U. disponga solo del nome del proprietario dell’immobile o dell’indirizzo dell’abuso, può richiedere il numero della pratica scrivendo una email a ctu.condono@rpr-spa.it. Si ricorda che è il numero dell’istanza di condono e non quello della concessione a individuare il fascicolo, pertanto il C.T.U. è invitato a verificare con cura la correttezza dei dati in suo possesso prima di procedere alla prenotazione. Per facilitare le operazioni di ricerca e individuazione dei fascicoli relativi agli immobili interessati dal procedimento giudiziario è opportuno inviare all’indirizzo ctu.condono@rpr-spa.it tutte le informazioni o la documentazione di cui si dispone: nome del richiedente, del proprietario o dei precedenti proprietari, dati di toponomastica, visura storica camerale aggiornata, atto di compravendita o pignoramento, bollettini pagati per la domanda di condono, etc.

L’individuazione del numero della domanda di condono è fondamentale per il buon esito della prenotazione: nel caso in cui si sia erroneamente prenotato un fascicolo diverso da quello relativo all’immobile oggetto di procedimento giudiziario e il fascicolo desiderato non sia accessibile – ad esempio perché custodito presso la sede di Pomezia dell’archivio dell’Ufficio di Scopo Condono – il C.T.U. deve effettuare una nuova prenotazione. I tempi di ricerca, spedizione e consegna dei fascicoli provenienti dall’archivio esterno ammontano infatti a circa venti giorni.

Ogni C.T.U. può prenotare un solo fascicolo per appuntamento. Nel caso in cui l’immobile oggetto di procedimento giudiziario sia interessato da diverse istanze di condono e sia quindi riferibile a più di una pratica, al momento della prenotazione il C.T.U. scrive a ctu.condono@rpr-spa.it per segnalare l’esigenza di prendere visione anche degli ulteriori fascicoli. L’accoglimento della richiesta è subordinato all’esito della verifica della collocazione, della disponibilità e del numero degli ulteriori fascicoli richiesti.

Una volta verificato il numero della domanda di condono, il C.T.U. accede al Sistema di Prenotazione on line, inserisce nome utente e password e seleziona dal menù a tendina la voce “Visure CTU”. Sceglie a quel punto la data dell’appuntamento più consono alle proprie esigenze e inserisce il numero di pratica nell’apposito campo:

  • Per le domande presentate ai sensi della L. 47/85 nel primo campo vanno indicate le due cifre relative all’anno di presentazione della domanda (85, 86, 87 o 88), nel secondo campo va indicato il numero relativo alla pratica (es.: per la pratica 86/25879 nel primo campo va riportato 86, nel secondo 25879)
  • Per le domande presentate ai sensi delle LL. 724/94 e 326/03 nel primo campo va riportato uno 0, nel secondo il numero relativo alla pratica (es.: per la pratica 0/63897 nel primo campo va riportato 0, nel secondo 63897)

Effettuata la prenotazione, il Sistema emette un codice di conferma che va conservato per esibirlo, se necessario, il giorno dell’appuntamento (anche su supporto digitale, smartphone o tablet).

Per richiedere l’accesso agli atti il C.T.U. compila la Domanda di accesso informale ai documenti amministrativi (Modello 01), indicando nella motivazione gli estremi del R.G. e allegando copia dell’Atto di nomina del Tribunale e del proprio documento di identità in corso di validità. Se nell’atto di nomina non figurano i dati identificativi dell’immobile interessato da procedimento giudiziario e dall’istanza di condono, il C.T.U. allega un documento che prova il nesso tra la nomina e l’immobile (atto di pignoramento, ecc.). Se sprovvisto di tale documentazione il C.T.U. allega alla richiesta di accesso agli atti una Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (Modello 33) nella quale dichiara che l’immobile interessato dall’istanza di condono (indica il numero di pratica) è oggetto dell’atto di nomina (indica estremi e data) con cui il Tribunale gli conferisce l’incarico professionale.

Per ogni singolo fascicolo è necessario presentare una specifica richiesta, anche se le domande di condono sono collegate tra loro.

Per ridurre i tempi d'attesa in sala, snellire le procedure e diminuire il consumo di carta si ricorda che è possibile protocollare la richiesta di accesso agli atti all'indirizzo PEC protocollo.urbanistica@pec.comune.roma.it

La richiesta va inoltrata almeno cinque giorni prima dell'appuntamento per consentire all’Ufficio di procedere ai necessari riscontri. Il giorno dell'appuntamento è necessario portare con sé la conferma di avvenuta ricezione da parte del Protocollo del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica (attenzione: non la conferma di avvenuta spedizione, rilasciata subito dopo l'invio dal proprio gestore PEC, ma la conferma di ricezione da parte del Dipartimento P.A.U., accompagnata dal numero di protocollo assegnato: QI 2019/0... seguito da cinque o sei cifre).

Non occorre stampare la conferma di avvenuta ricezione, è sufficiente esibirla a sportello anche su supporto informatico (smartphone, tablet, etc.).

Nel caso in cui il giorno dell'appuntamento non si fosse ancora ricevuta conferma da parte del Protocollo del Dipartimento P.A.U., l’U.R.P. consiglia di portare con sé la documentazione probante la titolarità in formato cartaceo per procedere alla protocollazione tradizionale nel caso in cui quella digitale non fosse andata a buon fine.

Ai sensi dell’art. 7 della D.A.C. 6/2019 l’interessato può effettuare autonoma riproduzione con apparecchi fotografici o digitali dei documenti amministrativi desiderati, nei limiti fissati dalla normativa.

L'accesso agli atti è soggetto al pagamento dei diritti di ricerca, visura e riproduzione, come indicato nel Vademecum diritti pubblicato da Roma Capitale e disponibile anche nella Sezione Condono / Modulistica del Portale Web. La visione e la riproduzione dei documenti effettuate dal richiedente in autonomia con mezzi propri sono gratuite, salvo specifiche tipologie.

A fronte delle numerose richieste di accesso agli atti da parte dei CTU del Tribunale e dei tempi tecnici necessari per prenotare, spedire (nel caso dell’archivio esterno) e rendere disponibili i fascicoli, si consiglia vivamente di effettuare la prenotazione con tempestività e con largo anticipo rispetto alla scadenza fissata dal Giudice per la consegna della relazione tecnica.

Per disdire un appuntamento si può scrivere a ctu.condono@rpr-spa.it

 

 

--
Data ultimo aggiornamento: 14/08/2019

Roma Capitale - Home page